pequena história para a minha princesa

La Principessa sul Pisello
A Princesa e a Ervilha

C’era una volta un principe che voleva avere per sé una principessa, ma doveva essere una vera principessa.
Perciò viaggiò per tutto il mondo per trovarne una, ma ogni volta c’era qualcosa di strano: di principesse ce n’erano molte, ma non poteva mai essere certo che fossero vere principesse; infatti sempre qualcosa andava storto. Così se ne tornò a casa e era veramente molto triste, perché desiderava di cuore trovare una vera principessa.
Una sera c’era un tempo pessimo, lampeggiava e tuonava, la pioggia scrosciava, che cosa terribile! Bussarono alla porta della città e il vecchio re andò a aprire.
C’era una principessa lì fuori. Ma come era conciata con quella pioggia e quel brutto tempo! L’acqua le scorreva lungo i capelli e gli abiti e le entrava nelle scarpe dalla punta e le usciva dai tacchi; eppure sosteneva di essere una vera principessa.
“Adesso lo scopriremo!” pensò la vecchia regina, ma non disse nulla, andò nella camera da letto, tolse tutte le coperte e mise sul fondo del letto un pisello, su cui mise venti materassi e poi venti piumini.

 

Lì doveva passare la notte la principessa.
Il mattino successivo le chiesero come avesse dormito.
«Oh, terribilmente male» disse la principessa «non ho quasi chiuso occhio tutta la notte. Dio solo sa, che cosa c’era nel letto! Ero sdraiata su qualcosa di duro, e ora sono tutta un livido. È terribile!»

Così poterono constatare che era una vera principessa, perché attraverso i venti materassi e i venti piumini aveva sentito il pisello. Nessuno poteva essere così sensibile se non una vera principessa.
Il principe la prese in sposa, perché ora sapeva di aver trovato una vera principessa, e il pisello fu messo nella galleria d’arte, dove ancor oggi si può ammirare, se nessuno l’ha preso.
Bada bene, questa è una storia vera!

 

Hans Christian Andersen

Anúncios
    • Inês
    • 14 de Agosto, 2005

    Bem, presumindo que a tua princesa sou eu, agradeço a história. Por acaso, sempre gostei muito desse conto, mas em versão portuguesa. E como me ficou a apetecer lê-lo mais uma vez, lá vou ter de ir procurar os livros do Hans Christian Andersen… em português.
    Beijinhos e obrigada****

    • Rita
    • 17 de Agosto, 2005

    Conheço a história, pois de outro modo estava tramada – não sei nada, nada mesmo, de italiano.

    E desde pequena que me pergunto: mas como é que alguém, mesmo uma princesa, consegue descobrir uma ervilha debaixo de todos aqueles colchões?

    Por ser especial?

    Suponho que já aqui a veia me tendia para uma certa faceta marxista, eh,eh,eh…

    Então e todas as outras raparigas especiais que não são princesas?

    😉

  1. No trackbacks yet.

Deixe uma Resposta

Preencha os seus detalhes abaixo ou clique num ícone para iniciar sessão:

Logótipo da WordPress.com

Está a comentar usando a sua conta WordPress.com Terminar Sessão /  Alterar )

Google+ photo

Está a comentar usando a sua conta Google+ Terminar Sessão /  Alterar )

Imagem do Twitter

Está a comentar usando a sua conta Twitter Terminar Sessão /  Alterar )

Facebook photo

Está a comentar usando a sua conta Facebook Terminar Sessão /  Alterar )

Connecting to %s

Anúncios
%d bloggers like this: